Il vizio di sentirsi bene


Oggi si sono fortunatamente moltiplicate le informazioni riguardo a wellness, fitness, sport e movimento quali aspetti fondamentali e obbligatori, accompagnati da una sana alimentazione, per prevenire malattie di qualsivoglia genere e ottenere una buona forma fisica.

Troppo spesso però, facendo i personal trainer, sentiamo dire: «io voglio togliere solo la pancia, ce la facciamo in due mesi?».

Chi pone questo tipo di richiesta è generalmente il tipo di persona che si presenta nei centri sportivi in primavera con la pretesa di rovesciare la tartaruga che sta in letargo da una vita.

La colpa è anche forse dei centri sportivi che spesso non vendono abbonamenti ma sogni, o forse di note riviste che pubblicano titoli quali “Via la pancia, addominali perfetti in quattro settimane; quindici super cibi che ti salvano la vita, Maxi bicipiti in 90 secondi”

Cosa dite? Cosa scrivete? Cosa leggiamo! Con questa disinformazione però le persone come possono non presentarsi da noi e non pretendere un corpo nuovo in due mesi?

Cosa realmente serve per avere un addome scolpito, un bicipite che gonfia la t-shirt, lo sappiamo bene noi che ci alleniamo da una vita.

 

Questo blog nasce con l’intento di divulgare informazioni sul mondo salute e fitness contro i miti diffusi dai falsi amanti dello sport.

Vuole comunicare che i risultati possono essere ottenuti solo con quella costanza nell’allenamento, con quella insaziabile voglia di sentire il cuore in gola e l’adrenalina a livelli elevatissimi propria di chi decide seriamente di volersi bene.

Il fine ultimo di una regolare attività fisica non è solo il bell’aspetto, non è un muscolo messo in evidenza ma è uno stato o sensazione di benessere.

Quella condizione che ti permette di sollevarti il morale, di sentirti leggero, sicuro di te stesso, capace di chiederti e darti ciò che vuoi, di farti stare bene con te stesso e con gli altri.

Si, è proprio questo che fa lo sport….

Chiamatela abitudine, chiamatela routine, noi, ormai, lo chiamiamo “vizio di sentirsi bene”.

 

Andrea Aiuto

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *